venerdì 30 marzo 2012

Il Nuovo Giardino Magnetico presenta ''Tarantismo''

.
.
.
TRACKLIST
.
01 - I FIGLI DI ROCCO: Le Tarante di Giovanni Avantaggiato
da ''E Lassatila Ballare'' (Autoproduzione,?)
02 - I BRIGANTI DI TERRA D'OTRANTO: Pizzicarella
da ''Tirajentu'' (Maffucci Music, 2007)
03 - ENZA PAGLIARA: Pizzica di Torchiarolo -  
da ''Frunte De Luna'' (Anima Mundi, 2009)
04 - LUCILLA GALEAZZI: Notte Scura (Tarantella
da ''Stagioni'' (Buda Musique, 2005)
05 - ALLA BUA: A Furtuna
da ''Alla Bua'' (Ethnosphere Entertainment, 2002)
06 - UARAGNIAUN: Diavule Diavule
da ''Uailì'' (Officina-Piazza Records, 1996)
07 - NIURI TE SULE: Tarantella Del Gargano
da ''Enties'' (Autoproduzione, 2003)
08 - MARIO SALVI: Tarantella di Sannicandro
da ''Taranteria'' (Finis Terre Records, 2004)
09 - CANZONIERE G. SALENTINO: Tarantella Frigia
da ''Serenata'' (Salento Altra Musica, 2002)
10 - ZIMBARIA: Sei Menu Nu Quartu
da ''Baciu 'Nvelenatu'' (Maffucci Music, 2007)
11 - ALLA BUA: A Punente A Punente
da ''Limano'' (Ethnosphere Records, 2004)
12 - UARAGNIAUN: Uè Figghia Figghia
da ''Skuarajazz'' (Dunya Records, 2000)
13 - I SCIANARI: Pizzica di S.Vito
da ''La Musica Te Li Scianari'' (Europlay, 2008)
14 - NIURI TE SULE: Com'aggiu Fare
da ''Enties'' (Autoprodotto, 2003)
15 - ARAMIRE': Fermate Femate
da ''Mazzate Pesanti'' (Edizioni Aramirè, 2004)
16 - ZOE' (OFFICINA ZOE'): Pizzica Tarantata
da ''Terra'' [1995] (Anima Mundi, 2005)
17 - ZIMBARIA: Baciu 'Nvelenatu
da ''Baciu 'Nvelenatu'' (Maffucci Music, 2007)
18 - ENZA PAGLIARA: Aquila Bella
da ''Frunte De Luna'' (Anima Mundi Records, 2009)
.

mercoledì 21 marzo 2012

Spriiiiiiiiing agaiiiiiiiiiiiiiin!

.

Il Nuovo Giardino Magnetico presenta ''Into The Wilderness''

.
.
.
TRACKLIST
      01 - BURNING HEARTS: Into The Wilderness - da (Shelflife, 2011)
      02 - FRANKIE ROSE: Night Swim v - da (Slumberland Records, 2012)
      03 - CRAFT SPELLS: From the Morning Heat v - da (Captured T., 2011)
      04 - BEACH HOUSE: Walk In The Park v - da (Bella Union, 2010)
      05 - SUMMER HEART: Please Stay - da (Not On Label, 2011)
      06 - GRIMES: Vowels = Space And Time - da (4AD, 2012)
      07 - PORCELAIN RAFT: Drifting In And Out v - da (Secretly C., 2012) 
      08 - DIVE: Human v - da (Captured Track Records, 2011) 
      09 - WORK DRUGS: Rad Racer v - da (Not On Label, 2011) 
      10 - BOY FRIEND: Egyptian Wrinkle - da (Hell, Yes! Records, 2012)
      11 - BEACH HOUSE: Lover Of Mine - da (Bella Union, 2010)
      12 - CRAFT SPELLS: Your Tomb v - da (Captured Tracks, 2011) 
      13 - WASHED OUT: Amor Fati - da (Weird World, 2011)
      14 - I BREAK HORSES: Pulse - da (Bella Union, 2011)
      15 - BOY FRIEND: Breathe - da (Hell, Yes! Records, 2012)
      16 - MEMORYHOUSE: Walk With Me v - da (Sub Pop, 2012) 
      17 - PALLERS: Another Heaven v - da (Labrador Records, 2011) 
.

.

giovedì 15 marzo 2012

Il Nuovo Giardino Magnetico presenta ''Keep The Face, A Northern Soul Story''

.
SCARICA


Tracklis

           01 - CHUCK JACKSON: The Breaking Point - da (Top Rank, 1962)
           02 - TOMMY NEAL: Going To A Happening - da (Pameline, 1967)
           03 - THE CAVALIERS: Ooh It Hurts Me - da (RCA Victor, 1966)
           04 - THE VELVET SATINS: Nothing ... - da (General A, 1965)
           05 - BONNIE & SHEILA: You Keep Me... - da (King Rec, 1971)
           06 - GLORIA JONES: Tainted Love - da (Champion Rec, 1965)
           07 - THE TAMS: Be Young, Be Foolish... - da (ABC Records, 1968)
           08 - THE VALENTINES: Breakaway - da (Sound Stage 7 Rec, 1970)
           09 - DON THOMAS: Come On Train - da (NUVJ Records, 1973)
           10 - AL WILSON: The Snake - da (Bell Recordings, 1974)
           11 - GENE CHANDLER: Nothing Can .. - da (Const.Rec, 1965)
           12 - ERIC & THE VIKINGS: Hurting - da (Kool Kat Records, ?)
           13 - FRANK WILSON: Do I Love You - da (Soul Rec., 1965)
           14 - ROSCOE ROBINSON: That's Enough - da (Gerri Rec., 1965)
           15 - PERCY WIGGINS: It Didnt Take Much - da (RCA Victor, 1966)
           16 - MEL WYNN & THE R. A.: Stop Sign - da (Wand Rec, 1969)
           17 - MASQUERADERS: Do You Love Me Bay - da (Wand, 1968)
           18 - THE BRONZETTES: Hot Spot - da (Parkway Records, 1964)
           19 - THE SEQUINS: A Case Of Love - da (Soultown Records, 1966)
           20 - THE MAJESTICS: (I Love Her So..) It Hurts Me - da (Linda, 1965)


.

domenica 11 marzo 2012

Il Nuovo Giardino Magnetico presenta ''Ocean Of Sound (Ambient Variations)''

.
.
.
 TRACKLIST
      01 - CARETAKER: Everything Is On The Point Of Decline -da (HAFW, 2012)
      02 - ORCAS: Standard Error - da (Morr Music Records, 2012)
      03 - JULIANNA BARWICK: The Magic Place -da (Asthmatic Kitty, 2011)
      04 - WALLS: Drunken Galleon - da (Kompakt Records, 2011)
      05 - BLANCK MASS: Icke's Struggle - da (Rock Action Records, 2011)
      06 - MIKE COOPER: Kokoke Nalu - da (Room40 Records, 2010)
      07 - CHIHEI HATAKEYAMA: White Light Kouala - da (Home N., 2010)
      08 - COREY FULLER: Seas Between - da (Dragon's Eye, 2009)
      09 - CELER: Ascensionaires - da (Humming Conch, 2009)
      10 - JURGEN PAAPE: Ein Schoner Land - da (Kompakt Records, 2011)
      11 - BVDUB: Make The Pain Go Away - da (Kompakt Records, 2011)
      12 - TIM HECKER: Hatred Of Music II - da (Kranky Records, 2011)
      13 - CHIHEI HATAKEYAMA: Morning Arrive.. - da (Home Normal, 2010)
      14 - MURRALIN LANE: In The Woods - da (12K Records, 2010)
      15 - VINICIO CAPOSSELA: La Costola di Garopaba - da (La Cùpa, 2011)
.

Adieu Moebius!

.
 .
Jean Giraud (Nogent-Sur-Marne, 8 Maggio 1938; Parigi, 10 marzo 2012), altrimenti noto con lo pseudonimo di Gir, tra i disegnatori e sceneggiatori di fumetti più noti e geniali, si è spento ieri all'età di 73 anni. Autore versatile e poliedrico ha raccontato con il suo stile sin dal 1963 l'epopea western di Blueberry, uno dei personaggi più amati oltralpe, per poi reinventare nella seconda metà degli anni Settanta, con il suo moniker più celebre, Moebius, gli stilemi del genere fantastico. E' stao tra i fondatori della mitica rivista Métal Hurlant, da cui hanno preso vita visioni e grafiche che avrebbero influenzato le generazioni a venire del fumetto internazionale. C'è una frase, scritta da Moebius in un editoriale di Métal Hurlant del 1975 che è un celebre manifesto di questa nuova rivoluzione del fumetto: ''Non c'è alcuna ragione perchè una storia sia come una casa con una porta per entrare, delle finestre per guardare, gli alberi e il giardino per il fumo. Si può benissimo immaginare una storia a forma d'elefante, di campo di grano o di fiammella di cerino...''. E ancora: ''Mi sono reso conto che, al di là delle apparenze, il mio spirito funzionava con una coerenza molto particolare. Ho imparato a dar fiducia a quella parte di me con cui non ho un vero e proprio accesso, ma che organizza le cose in modo magico''. Questo riferimento alla magia è attinente con la passione di Moebius verso il mondo di Carlos Castaneda, lo scrittore messicano che nei suoi libri è allievo dello stregone Don Juan, sotto la guida del quale riesce a entrare nell'universo non visibile che è al contempo dentro e fuori di noi. Moebius è stato molte volte e per lungo tempo in Messico e non ha mai nascosto di aver fatto uso di droghe (''La marijuana ha in parte condizionato la mia attività creativa, sconvolgendo la mia percezione del mondo''). Il suo incontro con il regista Alejandro Jodorowsky è fondamentale per consolidare un approccio mistico e sottile al disegno, al racconto e all'interpretazione del reale in genere. Jodorowsky gli propone di disegnare le scenografie per un suo film tratto dal romanzo Dune di Frank Herbert. Il progetto fallisce, ma tra i due inizia una fruttuosa collaborazione che sfocia, nel 1980, nella saga dell'Incal Noir, pubblicata con successo anche in Italia. Sempre in quegli anni (e più precisamente fra il 1976 e il 1979) Moebius presenta alcuni dei suoi capolavori: Il Garage Ermetico, Arzach, The Long Tomorrow, Gli Occhi Del Gatto, Major Fatal. Dotato di un talento grafico straordinario e di un approccio personalissimo, dal suo primo scarabocchio ai western, dalle tavole satiriche in bianco e nero per ''Hara-Kiri'' ai trionfi policromi di Métal Hurlant, dalle pubblicità per scarpe e automobili ai disegni animati, dalle tante collaborazioni cinematografiche alle illustrazioni per le Ballate di François Villon o per L'alchimista di Paulo Coelho, dai progetti di Internal Transfer e Starwatcher alle collaborazioni con Jiro Taniguchi e chissà cos'altro, Moebius sarà sempre ricordato come un vero guru del fumetto. 
.
.
.
SALITA AL VULCANO
di  Cristina Taverna
.
Indossando una camicia arancione, calzoni corti blu, robuste scarpe sportive, calzini di cotone, un piccolo zaino sulla schiena, Jean Giraud iniziava la salita allo Stromboli. Proprio una settimana prima c'era stata una forte eruzione. Non se ne verificavano da anni di così violente. Jean Aveva dunque deciso di salire ai crateri; d'altra parte le guide continuavano a farlo dicendo che il tappo che si era formato negli ultimi anni era saltato e non c'era più alcun pericolo. Jean era in compagnia di alcuni amici italiani. Zazà, la guida, aveva dato a tutti una canna di bambù, fatto alcune raccomandazioni e verificato che avessimo un maglione, acqua, torcia e qualcosa da mangiare. Il sentiero saliva, nella prima parte, a tornanti tra canne e ginestre. Ad uno degli ultimi tornanti apparve la sciara, la via della lava. La bellezza dell'isola si mostrava in tutto il suo contrasto di languori e durezze. Tra le ultime ginestre, ormai sofferenti per la vicinanza del fuoco, la sciara svelava la ripida discesa al mare. Eravamo spaesati, perduti, la sciara morta impressiona, viva spaventa. Unico rumore, nei momenti di calma, quello di qualche sasso espulso dai crateri che rotolava verso il mare. Che cosa pensava Moebius? Che cosa vedeva? Intanto continuavamo la salita, confortati dagli spicchi di limone offerti dalla guida, sudando, ansimando, dicendo forse troppe cose. Diversamente da noi, Jean taceva e continuava a salire leggero. Arrivati finalmente alla cima, ci raccogliemmo a guardare il generoso spettacolo delle eruzioni. Oramai nel buio, le esplosioni svelavano i misteri della terra. Eravamo emozionati, smarriti, spaventati. Finalmente tutti in silenzio, restammo a lungo ipnotizzati dai bagliori e dai rumori, dalla potenza del vulcano. Solo Jean appariva tranquillo, a suo agio. Più tardi, per la discesa, la guida ci diede una mascherina bianca di protezione. Scendevamo rimbalzando nella sabbia, respirandola. A destra intuivamo il vuoto, profondo come il nulla, fortunatamente nascosto dal buio. Brillavano solo le torce e le stelle. E i nostri occhi, che in quel momento erano simili a quelli di Jean, avevano la stessa luce. Che cosa pensava Moebius? Che cosa vedeva? Moebius vedeva ciò che vede tutti i giorni, perchè vive nel cielo con i pianeti e le stelle. Jean aveva appena ritrovato il suo altro mondo. (tratto da Moebius-Infinito; Fondazione Querini Stampalia - Venezia; 7 Febbraio - 29 Marzo 1998)
.
.
Chissà chi avrà scritto il racconto più bello della nostra storia. Non conosceremo mai le opere della remota antichità. I racconti di quel periodo erano barbari, vibranti, liberi, hanno attraversato i secoli, da prima che cani e gatti, buoi e maiali fossero addomesticati. Esistono ancora esseri umani che vivono una vita barbara e selvaggia, ma il loro numero diminuisce giorno dopo giorno. Peggio ancora, quando nascono dei bei racconti, gli uomini li rovinano tagliando , mutando, aggiungendo, e in breve tempo li dimenticano. Sono pochi quelli che si accorgono che così facendo le storie scompaiono. Le storie sono inesauribili, come i pesci nel mare, come gli uccelli del cielo, dicono. Però noi oggi, in realtà, sappiamo che l'inesauribile non esiste. Per lo meno per quanto riguarda i pesci e gli uccelli. Per fortuna, come nella preistoria, esiste un luogo magico in cui i racconti possono nascere e crescere in assoluta libertà: il mondo dei sogni. Un luogo inviolabile strenuamente protetto da una muraglia di sonno e da guardiani di ricordi. Quì, dai miei sogni, nascono le mie storie.
(Moebius)
.

.

sabato 10 marzo 2012

Batteria e Basso: Rhythm Killers!

.

.
Quella formata da Lowell ''Sly'' Dumbar (batteria) e Robert Shakeaspeare (basso) è probabilmente la più nota sezione ritmica della storia del reggae/dub e probabilmente fra le migliori di sempre. Dumbar, che deve il suo nome alla passione giovanile per Sly Stone, ha anche pubblicato ottimi dischi a suo nome, ma le pietri miliari restano quelle in coppia con il sodale compagno (citerei almeno gli storici A Dub Experience, uscito su Island nel 1985 e Rhythm Killers del 1987). Il loro curriculum,  non meno della tecnica, è a dir poco impressionente. Tra le specialità del duo c'è sempre stato il fiuto straordinario per i nuovi talenti, che li ha portati a lanciare, tra gli altri, Revolutionaires, Black Uhuru, Chakademus & Pliers ecc. Musicisti versatili e tecnicamente perfetti, Sly & Robbie hanno suonato in migliaia di dischi, giamaicani e non (da Bob Dylan a Grace Jones, da Serge Gainsbourg a Herbie Hancock.. adirittura con il nostro De Gregori) e partecipato a un gran numero di progetti innovativi, tra cui ricorderei almeno quello con i Material di Bill Laswell nel 1991. Blackwood Dub è il loro ultimo lavoro, da poco pubblicato su Groove Attack (Uabab is great!). Un ottima prova in cui i due (ormai) sessantenni sformano una decina di strumentali dub del livello che ci si può attendere da simili campioni. Ma in questo lavoro non sono solo lo studio di registrazione con i suoi effetti e le ritmiche dilatate nello spazio a fare da protagonisti, ma anche i musicisti e gli arrangiamenti: precisi e oliatissimi. I due signori, infatti, si sono fatti affiancare per l'occasione da due tastieristi, altrettanti percussionisti e (ben) quattro chitarristi che hanno spalmato i loro servigi strumentali nell'arco dell'intero disco, ascoltato il quale non diventa difficile capire quale sia stata l'influenza di Sly & Robbie nel lavoro di innumerevoli artisti di tutto il pianeta. Batteria e basso: Rhythm Killers!
.

giovedì 1 marzo 2012

Il Nuovo Giardino Magnetico presenta: ''Musica Per Organi Caldi''

.
.
.
TRACKLIST
01 - JIMMY SMITH: The Cat - da (Verve, 1964)
02 - B. JACK McDUFF: The Natural Thing - da (Cadet, 1968)
03 - JIMMY McGRIFF: Keep Loose - da (Solid State, 1968)
04 - BILL DOGGETT: Wow! - da (ABC Paramount, 1964)
05 - B. JACK McDUFF & D. N.: Duffin' Around - da (Atlantic, 1968)
06 - 'BIG' JOHN PATTON: Alfie's Theme - da (Blue Note, 1968)
07 - LOU DONALDSON: The Humpback - da (Blue Note, 1967)
08 - SAM LAZAR: Scootin' - da (Universal Music, 1961)
09 - SHIRLEY SCOTT: Soul Shoutin' - da (Prestige, 1963)
10 - TRUDY PITTS: Take Five - da (Prestige, 1967)
11 - RICHARD HOLMES: Autumn Leaves - da (Prestige, 1970)
12 - LONNIE SMITH: Think! - da (Blue Note, 1969)
13 - TRUDY PITTS: Love For Sale - da (Prestige, 1968)
.

.