sabato 20 aprile 2013

Il Nuovo Giardino Magnetico presenta: Black Dynamite!

.

BLACK DYNAMITE!

.

Black Dynamite 4: Groovallegiance

.
.
.
Tracklist
.
01 - FUNKADELIC - Groovallegiance - da (Warner Bros. Records, 1978)
02 - BOOTSY COLLINS - Id Rather Be With You - da (Warner Bros Rec, 1976)
03 - DON JULIAN & THE LARKS - Shorty The Pimp - da (Money Rec, 1973)
04 - WILLIE HUTCH - Foxy Lady - da (Motown Records, 1974)
05 - QUINCY JONES - Superstition - da (A&M Records, 1973)
06 - PARLIAMENT - Unfunky UFO - da (Casablanca Records, 1975)
07 - FUNKADELIC - One Nation Under A Groove - da (Warner Bros. Rec, 1978)
08 - CREATIVE SOURCE - Who Is He - da (Sussex Records, 1973)
09 - YELLOW SUNSHINE - Yellow Sunshine - da (Gamble Records, 1973)
10 - THE JIMMY CASTOR BUNCH - It's Just Begun - da (RCA Victor, 1972)
11 - BLACK IVORY - I Keep Asking You Questions - da (Today Records, 1972)
12 - DON JULIAN & THE LARKS - Message From A Black Man - da (Money, 1973)
13 - THE TEMPTATIONS - Ball Of Confusion - da (Tamla Motown, 1970)
14 - CURTIS MAYFIELD - Freddie's Dead - da (Curtom Records, 1972)
15 - WILLIE HUTCH - Out There - da (Motown Records, 1974)
16 - THE ISLEY BROTHERS - That Lady (Part 1 & 2) - da (T-Neck/Epic, 1973)
17 - THE TEMPTATIONS - Law Of The Land - da (Tamla Motown, 1973)
18 - CURTIS MAYFIELD -  If There's A Hell Below We're All Going To Go - da (Curtom, 1970)
.
.
   
.

Black Dynamite 3: Killing Me Softly With His Song

.
.
.
Tracklist

01 - SYL JOHNSON - I Hate I Walked Away - da (Hi Records, 1973)
02 - AL GREEN - I'm So Lonesome I Could Cry - da (Hi Records, 1973)
03 - ANN PEEBLES - Trouble Heartaches & Sadness - da (Hi Records, 1971)
04 - MILLIE JACKSON - A Child of God - da (Spring Records, 1972)
05 - THE SOUL CHILDREN - Move Over - da (Stax Records, 1969)
06 - O.V. WRIGHT - Drowning On Dry Land - da (Back Beat Records, 1972)
07 - SYL JOHNSON - That's Just My Luck - da (Hi Records, 1975)
08 - AL GREEN - Free At Last - da (Hi Records/London, 1973)
09 - BABY HUEY - Hard Times - da (Curtom Records, 1971)
10 - CURTIS MAYFIELD - Little Child Runnin' Wild - da (Curtom, 1972)
11 - WILLIE HUTCH - Hospital Prelude Of Love Theme - da (Motown, 1974)
12 - JAMES BROWN - Public Enemy #1 - da (Polydor Records, 1972)
13 - MILLIE JACKSON -  I Don't Want To Be Right - da (Spring, 1974)
14 - MARGIE JOSEPH - My World Is Empty Without You - da (Volt, 1971)
15 - CURTIS MAYFIELD - Give Me Your Love - da (Curtom Records, 1972)
16 - MARVIN GAYE - I Want You - da (Tamla/Motown Records, 1976)
17 - WILLIAM DE VAUGHN - Be Thankful For What You Got - da (Roxbury, 1974)
18 - DON JULIAN & THE LARKS - Super Slick - da (Money Records, 1974)
19 - AFRO-AMERICAN ENSEMBLE - Gone Is The Laughter - da (GSF, 1972)
20 - AL GREEN - Simply Beautiful - da (Hi Records-London Rec, 1972)
21 - ROBERTA FLACK - Killing Me Softly With His Song - da (Atlantic, 1973)
.
.
   
.

Black Dynamite 2: Groove Express

.
.
.
Tracklist
.
01 - QUINCY JONES - Ironside - da (Hamlet-A&M Records, 1975)
02 - DONALD BYRD & BLACKBYRDS - One Gun Salute - da (Fantasy, 1975)
03 - JOHNNY PATE - You Can't Even Walk In The Park - da (ABC Records, 1973)
04 - ISAAC HAYES - Truck Turner (Main Title) - da (Enterprise-Stax, 1974)
05 - LOU RAWLS & DON COSTA - Charley - da (MGM Records, 1973)
06 - BABY HUEY - California Dreamin' - da (Curtom Records, 1971)
07 - WILLIE BOBO - I Heard It Through The Grapevine - da (Verve, 1967)
08 - CLARENCE WHEELER - Right On - da (Atlantic Records, 1970)
09 - J.J. JOHNSON - Willie Chase - da (MCA Records, 1974)
10 - B.T. EXPRESS - Express - da ( Scepter Records, 1974)
11 - REUBEN WILSON - Inner City Blues - da (Groove Merchant, 1974)
12 - BOOKER T & MG'S - Melting Pot - da (Stax Records , 1971)
13 - BILL DOGGETT - Make Your Move -  da (King Records, 1969)
14 - THE BACKYARD HEAVIES - Chitlin' Strut -  da (Scepter Records, 1972)
15 - JOHNNY GRIFFITH - Do It (Instrumental) -  da (Triple 'B' Records, 1970)
16 - ROY AYERS - Aragon -  da (Polydor Records, 1973)
17 - THE BLACKBYRDS - Cornbread -  da (Fantasy Records, 1975)
18 - QUINCY JONES - They Call Me Mister Tibbs -  da (United Artists, 1970)
19 - GRANT GREEN - Travelling To Get To Doc - da (Blue Note, 1972)
20 - JOHNNY PATE - Shaft In Africa -  da (ABC Records, 1973)
21 - WAR - Flying Machine - da (LAX Records, 1979)
.
.
   
.

Black Dynamite 1 (Am I Black Enough For You)

.
.
.
Tracklist

01 - WILLIE HUTCH - Brother's Gonna Work It Out - da (Motown, 1973)
02 - CURTIS MAYFILED - We Got To Have Peace - da (Curtom, 1971)
03 - BILLY PAUL - Am I Black Enough For You - da (Philadelphia International-Epic, 1972)
04 - MILLIE JACKSON - All I Want Is A Fighting Chance - da (Spring-Polydor, 1974)
05 - GLADYS KNIGHT & THE PIPS - Friendship Train - da (Tamla Motown, 1970)
06 - MARLENA SHAW - Liberation Conversation - da (Cadet Records, 1969)
07 - THE ISLEY BROTHERS - I Know Who You Been Socking It To - da (T-Neck, 1969)
08 - JAMES BROWN - People Get Up And Drive Your Funky Soul - da (Polydor, 1973)
09 - TOBY KING - Mr. Suff Stuff - da (Federal Records, 1973)
10 - JOE SIMON - Theme From Cleopatra Jones - da (Warner Bros. Records, 1973)
11 - SOUL SEARCHERS - Blow Your Whistle - da (Sussex Records, 1974)
12 - BILLY PAUL - We All Got A Mission - da (Philadelphia Int. Rec., 1976)
13 - PHILADELPHIA ALL STARS - Let's Clean Up The Ghetto - da (Philadelphia Int., 1977)
14 - GIL SCOTT-HERON & BRIAN JACKSON - The Bottle - da (Strata-East, 1974)
15 - BILL WITHERS - Better Off Dead - da (Sussex-A&M Records, 1971)
16 - THE TEMPTATION - Law Of The Land - da (Tamla Motown, 1973)
17 - WILLIE HUTCH - Theme Of Foxy Brown - da (Motown Records, 1974)
18 - BOBBY WOMACK & J.J. JOHNSON - Across 110th Street - da (United Artists, 1972)
19 - CURTIS MAYFIELD - Move On Up - da (Curtom Records, 1970)
20 - LEON THOMAS - Just In Time To See The Sun - da (Flying Dutchman, 1973)
.
.
  
.

lunedì 1 aprile 2013

Millie's Moods

.
.
Dopo le importanti recenti operazioni discografiche rivolte a due giganti della musica afroamericana a tuttotondo come Gli Scott-Heron e Leon Thomas gli appassionati di black music possono continuare a fregarsi le mani con  ''The Moods Of Millie Jackson'', raccolta retrospettiva che la Kent ha dedicato a una figura tra le più singolari della storia e del panorama musicale afroamericano degli anni Settanta, Millie Jackson. Cresciuta a stretto contatto con il gospel, la musica religiosa dei neri d' America da cui ha ereditato profondità e spiritualità, più che il contenuto squisitamente religioso, Millie passò in breve tempo dagli scranni delle chiese battiste, dove i nonni erano soliti accompagnarla dopo la precoce scomparsa della madre, a importante personaggio femminile di quel sexy soul che maliziosamente si spinse oltre i limiti della censura. Originaria della Georgia (Thompson, 15 Luglio 1944) a quattordici anni la giovanissima Millie fugge di casa per raggiungere il padre a Newark dove qualche tempo dopo riesce a trovare lavoro come modella prima di trasferirsi a New York ed essere casualmente notata  da un talent scout durante l'esibizione di alcuni amici che l'avevano invitata a salire con loro sul palco. E' l'inizio, assai poco ufficiale, della sua nuova carriera. E pazienza per un primo 45 giri di scarso successo commerciale. La giovane è dotata di grande determinazione e con il suo bagaglio soul dai veraci accenni gospel, influenzato soprattutto dal grande modello di Otis Redding, inizia ad esibirsi con successo in numerosi locali, fino ad ottenere un nuovo contratto, questa volta con l'etichetta Spring che un anno più tardi frutta lo splendido esordio omonimo (1972), in cui Millie incornicia performances di essenziale potenza drammatica con una voce seducente e grintosa e arrangiamenti di soul sinfonico e orchestrale. Si va dagli scenari di solitudine sentimentale di ''I Just Can't Stand It'', all'incandescente catalogo di peccati, crudeltà e ipocrisie della splendida ''A Child of God (It's Hard to Believe)'', piccolo capolavoro che reca la firma della cantante e che inizia a delineare  il suo carisma e talento di raconteuse e proto-rapper. Ma il passo decisivo sarà quello delll'anno successivo, con l'ottimo successo di ''It Hurts So Good'' (1973), uno dei titoli portanti della colonna sonora blaxploitation di Cleopatra Jones, che impone la Jackson come ''miglior cantante R&B'' dell'anno (alla pari con Aretha Franklin), al punto da spingere l'artista afroamericana a convincere i boss della Spring a farle incidere un concept sul tema dell'adulterio, una particolarissima ''soap opera'' su vinile che traccierà indelebilmente il suo cammino professionale negli anni a venire. Caugh Up (Spring, 1974) coglie nel segno, amalgamando soul, pop e rap, stile di cui la Jackson è fra le grandi progenitrici (insieme ad artisti come James Brown, Laura Lee, Joe Tex e Isaac Hayes), con tocchi orchestrali adatti alle esigenze commerciali dell'epoca. L'abile produttore di questo risultato è Brad Shapiro, lo stesso che a più riprese lavorò anche con Wilson Pickett e che rimarrà con la Jackson per diversi anni, utilizzando anche molti dei prestigiosi strumentisti di Muscle Shoals. Sulla base di un'analisi drammatica di adulterio e una voce seducente quanto minacciosa, la cantante mescola colpi di rabbia a sussurri erotici ''giocando'' il ruolo della moglie sul primo lato, e dell' amante nella side B. I brani offrono lunghi parlati (come nell'articolata rilettura della classica ballad sudista dell'adulterio, ''If Loving You Is Wrong I Don't Want to Be Right'', video sotto) che sfociano in esplosioni orchestrali in un continuo contrasto dolce-amaro, in cui Millie affronta i pro e i contro di una relazione con un uomo sposato e la figura di un mini-dramma di moglie. La saga riprende e continua con ottimi risultati artistici anche nel successivo Still Caugh Up (Spring, 1975), sempre all'insegna della potenza drammatica che aveva caraterizzato il suo predecessore, ma questa volta con il triangolo amoroso allo scoperto e dove alla fine la figura incarnata dalla voce di Millie viene portata via con una camicia di forza. Nei lavori successivi i testi della Jackson si fanno via via sempre più espliciti, adirittura quasi osceni. Sebbene la cantante sia poi tornata ad album più convenzionali (anche se meno efficaci), i lunghi rap e le provocazioni divennero il centro dei suoi spettacoli e poco a poco questa formula (indebolita anche da stucchevoli arrangiamenti) iniziò a mostrare la corda, cadendo in parte nell'auto-parodia, e i monologhi, come ammetterà la stessa, finirono col divenire una trappola, impedendo alla cantante di esprimere appieno le sue potenzialità di interprete. La nuova antologia della Kent (può essere recuperata quì), al contrario, si segnala per la qualità da urlo della scaletta, una ventina di splendide ballads recuperate in ordine sparso e uscite dall' autorevole penna di autori del calibro di Sam Dees, Phillip Mitchell, Banks & Hampton, Bobby Womack, Allen Toussaint, ma anche da quella della stessa cantante afroamericana. Un occasione da non perdere non solo per quanti conoscono ed apprezzano l'artista, ma anche per chi voglia accostarsi per la prima volta alla voce incredibilmente potente ed espressiva di una delle più grandi interpreti della storia del R&B e della soul music degli anni Settanta.
.
  
.