giovedì 3 febbraio 2011

Lettera agli amici del Giardino

.
.
Ringrazio e saluto con grande affetto tutti gli amici del Giardino aprofittando, nonostante il considerevole ritardo, per ricambiare gli auguri di un felice 2011 e per rassicurare chi si è fatto vivo in questi giorni - anche via mail - chiedendo mie notizie, che il prolungato silenzio non è in alcun modo forzato e/o riconducibile ad altro che non dipenda esclusivamente da una decisione del sottoscritto, tra spostamenti / viaggi e ricerca di un periodo di assoluta tranquillità e di un (parziale) allontanamento da alcune (piccole o grandi) consietudini quotidiane (tra cui il definitivo abbandono delle sigarette a favore di un buon sigaro toscano e/o cubano, di tanto in tanto) senza per questo rinunciare ai grandi piaceri della vita e ai nutrimenti dell'anima: ascolti, letture ...  Soprattutto senza dimenticare la preziosa opportunità di tornare fra voi, appassionati e competenti amici della rete. A presto dunque. Continuo a seguirvi con interesse e stima.

Trickypau

6 commenti:

  1. La cosa importante non è il giardino, se non il giardiniere.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. ...sì, vabbè...ora perchè hai deciso di abbondonare Nico and Tina non vorrai mica abbandonare anche gli amici della rete!!

    L'ultima volta che ho tentato di smettere di fumare, ricordo che la notte sognavo di mangiarle le sigarette!!

    Brutto periodo?
    ...Fai gli scongiuri!!

    http://www.youtube.com/watch?
    v=Qshw2QanzsE&feature=related


    T'aspetto!!

    RispondiElimina
  3. riposo, rilasso, letture...
    vai giardiniere costante, vai
    nel caso fai come dice Costantino
    Sputa pe tera!

    noi ti si aspetta non preoccupar

    RispondiElimina
  4. un abbraccio anche da parte mia

    RispondiElimina
  5. Grazie amici. Sono commosso. No, davvero, senza retorica, non pensavo che un contenitore (solitamente) freddino come internet potesse sprigionare tanto calore umano e solidarietà.
    Ma a pensarci bene niente di strano, visto che alla fine sono sempre le persone, i sentimenti e il cuore a fare la differenza.

    RispondiElimina