giovedì 28 aprile 2011

Dread In A Babylon, Spiritual Reggae 1975-79



TRACKLIST

01 - THE CONGOS - Fisherman 
da ''Heart Of The Congos'' (Black Ark, 1977-r. B&F, 1996) V
02 - LLOYD CHARMERS - Darker Than Blue 
da ''Darker Than Blue ... '' (Blood &Fire., 2001)
03 - THE BLACK SURVIVORS - Come Away Jah Jah Children 
da ''The Black Found.'' (Heartbeat, 2000)
04 - BURNING SPEAR - Marcus Garvey 
da ''Marcus Garvey'' (Island, 1975)
05 - BUNNY WAILER - Dream Land 
da ''Blackheart Man'' (Island, 1976)
06 - MIGHTY DIAMOND - Them Never Love Poor Marcus 
da ''Right Time'' (Virgin, 1976)
07 - MILTON HENRY - Gypsy Woman 
08 - SUGAR MINOTT - The People Got To Know 
da ''Ghetto-Ology'' (Trojan, 1979)
09 - EARTH & STONE - In Time To Come 
da ''Kool Roots'' (Cha Cha, 1979-r. Pressure Sounds, 1996) V
10 - GREGORY ISAACS - Lonely Soldier 
da ''17 North Parade'' (Pressure Sounds, 1997)
11 - BLACK UHURU - Going To Zion 
da ''17 North Parade'' (Pressure Sounds, 1997)
12 - ABYSSINIANS - Jah Loves 
da ''Arise'' (Front Line Rec., 1978)
13 - RICO (RICO RODRIGUEZ) - Africa 
da ''Man From Wareika'' (Island, 1977)


martedì 26 aprile 2011

Il Nuovo Giardino Magnetico presenta....''Hip-Hop Collisions''




TRACKLIST

01 - GUILTY SIMPSON - Make It Fast 
da ''B-Ball Zombie War'' (Stones Throw, 2007)
02 - MOS DEF - Auditorium (ft. Slick Rick) 
da ''The Ecstatic'' (Downtown Music, 2009)
03 - OH NO - Low Coastin' (ft. Ag) 
da ''Exodus Into Unheard Rhythms'' (Stones Throw, 2006)
04 - BLACK MILK - Distortion (ft. Melanie Rutherford) 
da ''Album Of The Year'' (Fat Beats, 2010)
05 - GHOSTFACE KILLAH - Black Tequila (fT. Cappadona & Trife) 
da ''Apollo Kids'' (Def Jam, 2010)
06 - RZA as BOBBY DIGITAL - Drama (ft. Monk) 
da ''Digi Snacks'' (Koch Records, 2008)
07 - SPEECH DEBELLE - Better Days (ft. Micachu) 
da '' Speech Therapy'' (Big Dada, 2009)
08 - BROTHER ALI - Babygirl 
da ''Us'' (Rhymesayers Entertainment, 2009)
09 - BUCK 65 - Riverbed 1 
10 - ASPECTS - Self Help Song 
da ''Mystery Theatre?'' (Antidote, 2004)
11 - TALIB KWELI & MADLIB - What Can I Do 
da ''Liberation'' (Blacksmith Music, 2007)
12 - OH NO - Hank (Featuring Lmno) 
da ''Exodus Into Unheard Rhythms'' (Stones Throw, 2006)
13 - DOOM & J DILLA - Sniper Elite 
da ''Unexpected Guests'' (Gold Dust Media, 2009)
14 - THE ROOTS - Walk Alone (ft. Truck North, P.O.R.N. ..) 
da ''How I Got Over'' (Def Jam, 2010)
15 - LUPE FIASCO - Go Go Gadget Flow 
da ''Lupe Fiasco's The Cool'' (Atlantic, 2007)
16 - MOS DEF - No Hay Nada Mas 
da ''The Ecstatic'' (Downtown Music, 2009)
17 - P.O.S. - Never Better 
da ''Never Better'' (Rhymesayers Entertainment, 2009)
18 - BROTHER ALI - Tight Rope 
da ''Us'' (Rhymesayers Entertainment, 2009)
19 - TOR - John Wayne Gacy Jr. - Specialize (ft. Pete Rock ..) 
da ''Illinoize'' (TOR Self-released)
20 - RZA as BOBBY DIGITAL - You Cant Stop Me Now (ft. I. Deck) 
da ''Digi Snacks'' (Koch, 2008)


.

Salgari: il Giardino si unisce alle celebrazioni di un mito

.

Il Nuovo Giardino Magnetico presenta ''Latin Fever A Go-Go!''



TRACKLIT

01 - IRAKERE- Bacalao Con Pan 
da ''Grupo Irakere'' (Love Rec., 1974)
02 - ORQUESTA RIVERSIDE - En Casa Del Trompo No Bailes 
da ''Cuban Funk Exp'' (Nascente, 2009)
03 - LOS CORRALEROS DE MAJAGUAL - El Mondongo 
da ''Colombia!'' (Soundway, 2007)
04 - ALEGRE ALL-STARS - Consuelate 
da ''Best Of The A.A.S.'' [1968] (Vampi Soul, 2005)
05 - FRUKO Y SUS TESOS - Flores Silvestres 
da ''The Afrosound Of Colombia V.1'' (Vampi Soul, 2010)
06 - MICHI SARMIENTO Y SU C. - Salsa Con Monte 
da ''The Afrosound Of C. V.1'' (Vampi S., 2010)
07 - BUSH Y SUS MAGNIFICOS - Nana Nina 
da ''Panama!'' (Soundway, 2006)
08 - RAY BARRETTO - The Teacher Of Love 
da ''Acid'' (Fania Rec., 1968)
09 - RICARDO RAY ORCHESTRA - California Sun 
da ''Let's Get Down To ..'' (Vampi S., 2002)
10 - LA LUPE- Fever!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
da ''El Barrio: The Bad Boogaloo'' (Fania Rec., 2006)
11 - NORO MORALES QUINTET - Saona 
da ''Welcome To The Party'' (Jazzman, 2008)
12 - HAR-YOU PERCUSSIONS - Welcome To The Party 
da ''Welcome To The Party'' (Jazzman, 2008)
13 - BOBBY MATOS - My Latin Soul-Tema de Alma Latina 
da ''My Latin Soul'' (Cubop, 1997)
14 - YURI BUENAVENTURA - Patrice Lumumba 
da ''Salsa Dura'' (Universal 2005)
15 - MANTECA - De Todo 
da ''Tremendo Boogaloo'' (Freestyle Rec., 2007)


Il Nuovo Giardino Magnetico presenta ''Funky Like A Train''

 


TRACKLIST

01 - MATATA - I Feel Funky 
da ''Independence'' (President Records, 1974)
02 - THE CIMARONS - Wicky Walcky 
da ''Reggae Time'' (Lagoon, 1992)
03 - THE HOUSTON OUTLAWS - Soul Power 
da ''SuperFunk'' (BGP Records, 2000)
04 - JOE BATAAN - Chick-A-Boom 
da ''Call My Name'' (Vampi Soul, 2006)
05 - BO DIDDLEY - Bo Diddley-Itis 
da ''Drive By Bo Diddley..'' (Raven, 2004)
06 - RUFUS THOMAS - Do The Funky Chicken (Live) 
07 - TOOTS & THE MAYTALS - Funky Kingston 
da ''Funky Kingston'' (Dragon, 1973)
08 - MATATA - Wanna Do My Thing 
da ''Brothers On The Slide'' (Discotheque, 2006)
09 - WGANDA KENYA - El Caterete 
10 - GI GI - Daddy Love Part. One
da ''Absolute Funk'' (Body & Soul, 2005)
11 - JIMMY CASTOR BUNCH - It's Just Begun 
da ''It's Just Begun'' (RCA Victor, 1972)
12 - THE EQUALS - Funky Like A Train 
da ''Brothers On The Slide'' (Discotheque, 2006)


lunedì 18 aprile 2011

Amniotic Pop 2011

.
.
Lo ammetto: dopo aver ignobilmente snobbato anche ''Imaginary Falcons'' (Night People, 2009) rimasto praticamente immacolato (cellophanato si sarebbe detto qualora si fosse trattato di un vero cd ) e dimenticato tra i files dei miei archivi musicali, è ora ''936'' [quì] (pubblicato dalla Not Not Fun, che lo ha presentato come "groove wave classic") a porgermi finalmente una chance supplementare per accedere al fantastico microcosmo di Indra Dunis e Aaron Coyes e del loro progetto Peaking Lights. Troppo ghiotta questa nuova occasione per essere sprecata, per non dire poi di una serie di giudizi estremamente positivi in sede di recensione che proprio non lasciavano scelta. 
.
.
Parte dunque l'ascolto di ''936'' e poco a poco, ma inesorabilmente, vengo assuefatto da una ritmica leggera ma costante a sostegno di un'avvolgente mantra pseudo-esotico a base di dub, lo-fi, drones e vapori oppiacei; una nebbiolina ipnotica e un turbinio hypnagogico e tropicalista condotto dal synth; la particolarissima combinazione di suoni e voci aliene (che in alcuni casi potrebbero far pensare a cose kraute, a dei Jefferson Airplane futuristi o a delle ESG in acido) il cui pregio è senza dubbio quello di non perdere mai del tutto i propri connotati pop. La sensazione è quella di essere trasportati in un ecosistema mentale a cui, chissà, difficilmente in altro modo si potrebbe accedere. Un lavoro a suo modo estramamente originale, quindi, un sogno (più che un incubo) che ricorda certi spiriti liberi, ribelli e inquieti, viaggi indefinibili e imprevedibili di una moderna psichedelia.
.
.
.
Decisamente bello anche ''Tomboy'' (Paw Tracks, 2011) [quì], di Panda Bear, anche se forse (almeno a parer mio) non il super capolavoro che qualcuno si aspettava. In ogni caso un'ottima conferma per Noah Lennox dopo i favori di ''Person Pitc'' (Paw Tracks, 2007) di ben quattro anni fa. Nel frattempo successi e impegni (molti) con gli Animal Collective non hanno certo facilitato/favorito le ambizioni personali del ragazzo di Baltimore, che deve aver dovuto faticare non poco per trovare un po' di tempo libero da dedicare al suo orsacchiotto preferito e (finalmente!) alla realizzazzione del nuovo lavoro. 
.
.
Pur mantenendo moltissimi degli ingredienti tipici delle sonorità lennoxiane (mi riferisco soprattutto a quelle caratteristiche stratificazioni sonore che si inseguono, scontrano e sovrappongono in 'snow' creando quella particolarissima patina sognante, fluttuante, psichedelica e ipnotica, marchio di fabbrica dell'intero Collettivo Animale) ''Tomboy'' appare forse più organico, lineare e (in un certo senso) strutturato rispetto ai lavori del passato, evidenziando caratteri più accessibili e (diciamolo) 'pop', tanto che i riferimenti beatlesiani (''White Album'') e beachboysiani (zona ''Pet Sounds'') si fanno francamente inevitabili, fino a diventare chiarissimi proprio nell' ''inno dei surfisti'' (il cui titolo non sembra assolutamente casuale ne tanto meno il rumore delle onde che aprono il brano), ma resta pur sempre un disco che richiede la sua buona dose di attenzione e assimilazione per essere sfruttato appieno, e solo dopo ripetute immersioni esiste la possibilità concreta che si possa trasformare in un'autentico viaggio ricco di luce e gioia di vivere, in quell'esperienza sensoriale in cui l'ascoltatore da semplice spettatore si trasforma in assoluto protagonista.
.

domenica 17 aprile 2011

Schizofrenie pop



Ho raccolto in ordine sparso (anzi sparsissimo) nomi, aggettivi e definizioni accostate a ''CuTe HoRSe CuT'' (Loaf, 2011) l'ultimo lavoro dei francesi Gablé, uno dei dischi pop più freschi e (piacevolmente) inclassificabili degli ultimi tempi [quì raggiungibile]. Non è detto che il giochino serva a chiarirne i contenuti, anzi è più probabile il contrario. Diciamo che l'intenzione è (ne più ne meno) quella di indurre curiosità, stimolare e stuzzicare l'ascolto di un disco fuori dagli schemi classici, lontano dalla consueta forma strofa-ritornello, eppure (allo stesso tempo) così dannatamente pop. Siete pronti? Si parte: avant-pop, non-genere, Might-Be-Giants, campionamenti bizzarri, folktronica, sampling surreali, the Chap, ''filastrocche'', sperimental pop, Stereolab, stramberie da weirdo, Devo, miniature genialoidi, incisi vocali al limite del naif, exotica, post punk, Ween, Moor Music, finti tropicalismi, microbeats, schizofrenia a go-go... Shakerate bene e consumate a piacimento. Per quanto mi riguarda: (8) alla musica e al videoclip e un bel (9) alla copertina.


La grandezza di Ray



Un etichetta per lui non è mai stata abbastanza e per quante siano quelle della musica nera, nella loro galassia di suddivisioni, Ray Charles non se ne lasciò mancare una. Nessuno c'era riuscito prima. Non fosse che per questo, per aver unito nella sua arte di pianista e di cantante il jazz, il blues, il soul e il rhythm and blues, il rock pagano e il gospel sacro, gli echi del country popolaresco e del sofisticato urban blues, ben si meritava quel nomignolo che gli si era trovato: ''The Genius'', nientemeno. La grandezza di Ray Charles era e resta in molti tratti del personaggio, come nella capacità di essere a volte istrionesco e poi, improvvisamente, tenero e romantico, fino alle lacrime; le sue, per esempio quando interpretava la favorita ''Georgia on my mind'', omaggio allo Stato in cui era nato, che rispunta in tutta la sua intensità anche nelle registrazioni di ''Live In Concert'' [quì] uno straordinario concerto tenutosi allo Shrine Auditorium di Los Angeles il 20 settembre 1964, licenziato un anno dopo dalla ABC, e ora finalmente ristampato anche in cd dalla Concord con ben sette brani in più (ricostruendo in pratica l'intero spettacolo) rispetto alle registrazioni del vinile originale. Ad accompagnare Ray, i cori delle Raelettes, e una una straordinaria big band in cui spuntano, tra gli altri, il trombone di Julian Priester, i sassofoni (rispettivamente alto e tenore) di Hank Crawford e "Fathead" Newman, la batteria di Wilbert Hogan e il basso Edgar Willis. Fantastico


Vinicio, un oceano di poesia

.
.
"Questo cd e' un po' come un pesce pilota oppure il Battista l'apripista che urla nel deserto e prepara la venuta di qualcuno di piu' grande di lui.. o anche e' come quei pesci piccoli che di solito si accompagnano ai giganti del mare, da cui sono protetti e nutriti... percio' contiene pezzi di squame, costole e assi di barca rotte dal naufragio..conchiglie e annunciazioni. Rarita' da Wunderkammer."
Vinicio Capossela
.
…le balene attirano storie attorno a se e richiamano fra loro i narratori, come fossero un focolare, emanano un fuoco combustibile fatto di grasso e di olio, che spinge lontano le navi..anche quando stanno per arrivar.
.

mercoledì 13 aprile 2011

Il Nuovo Giardino Magnetico presenta ''In Punta di Piano''




TRACKLIST

01 - RUBEN GONZALEZ - Melodía Del Río 
da ''Introducing..'' (World Circuit, 1997)
02 - SONEROS DE VERDAD - Oguere 
03 - MAURICE EL MÉDIONI - Samai Andalou 
da ''Pianoriental'' (Buda, 2000)
04 - BEBO VALDÉS & D. EL CIGALA - Inolvidable 
da ''Lágrimas Negras'' (Calle 54, 2003)
05 - VINICIO CAPOSSELA - Morna 
da ''Il Ballo Di S. Vito'' (CGD East West, 1996)
06 - LILI BONICHE - Alger Alger 
da ''Alger Alger'' (APC, 1998)
07 - PAUL SHAPIRO - Ma Lecha Hayam 
da ''Midnight Minyan'' (Tzadik, 2002)
08 - SONEROS DE VERDAD - Rubalcaba 
09 - RAUL PAZ - No Me Incomodes 
da ''En Casa'' (Naïve, 2006)
10 - CESARIA EVORA - Partida 
da ''Cabo Verde'' (Lusafrica, 1997)
11 - CHUCHO VALDÉS - Rabo De Nube 
da ''Jazz Cuba Vol. 1'' (Rumor Records, 2007)
12 - BEBO VALDÉS & D. EL CIGALA - Corazón Loco 
da ''Lágrimas Negras'' (Calle 54, 2003)
13 - MAURICE EL MÉDIONI - Ouine Rak 
da ''Pianoriental'' (Buda, 2000)
14 - JUAN CORTÉS - Jurepén 
da ''Jurepén'' (Karonte World, 2003)
15 - CLAUDIA CLADERÓN - Avispero 
da ''El Piano Llanero'' (Fundación Bigott, 2001)
16 - RUBEN GONZALEZ - Siboney 
da ''Introducing..'' (World Circuit, 1997)
17 - JAVIER RUIBAL - La Flor De Estambul 
da ''Sahara'' (Riverboat, 2003)



Brazilians Pearls: Bossa A-Go-Go!


Bossa Nova & The Story Of Elenco Records, Brazil

       Tracklist
.
             01. Edu Lobo — Resolucao 
             02. Baden Powell — Consolacao 
             03. Quarteto Em Cy — Canto de Ossanha 
             04. Sergio Ricardo — A Fabrica 
             05. Edu Lobo — Zanzibar 
             06. Vinicius and Odette — Berimbau 
             07. MPB-4 — Beco Do Mota 
             08. Roberto Menescal — Cinco Por Oito 
             09. Nara Leao — Maria Moita 
            10. Sergio Ricardo — Enquanto a Tristeza Nao Vem 
            11. Edu Lobo — Upa Neguinho 
            12. Nara Leao — Nana 
            13. Baden Powell — Candomble
            14. Edu Lobo — Reza
            15. Quarteto Em Cy — Amaralina
            16. Lennie Dale — Sambar de Mudar 
            17. Nara Leao — Consolacao 
            18. MPB-4 — Cravo E Canela 
            19. Lucio Alves — Negro 
            20. Baden Powell — Coisa No. 1 
            21. Roberto Menescal — Adriana 
            22. Sylvia Telles — Samba De Uma Nota So 
            23. MPB-4 — Sentinela


martedì 12 aprile 2011

La légende est de retour!



La légende est de retour! The legend is back! Superfluo sottolineare a un amante dei suoni africani cosa rappresenti l' Orchestre Poly-Rhythmo (de Cotonou), quasi una istituzione nella cultura post-indipendentista dell'Africa Occidentale; uno dei migliori ensemble africani in assoluto (chi volesse approfondire può farlo qui) torna finalmente a calcare le piste grazie alla benemerita Strut che, a quanto pare, si sta adoperando (nel migliore dei modi) al rilancio di vecchi leoni, con un attitudine distante anni luce da quella che potrebbe essere considerata solo come una mera e semplice operazione nostalgica. E se i lavori di Mulatu e Ebo ci hanno insegnato qualcosa, allora era certo lecito attendersi una buona prova anche dall'Orchestre. Il fatto è che ''Cotonou Club'' (recuperatelo in terra amica e poi compratelo) non solo NON smentisce le attese, ma riesce ad andare anche oltre le più rosee aspettative (almeno le mie), con un lavoro nel quale non viene scalfito di una virgola quel sound unico ed energico che caratterizzò i dischi dell' Ochestre nei suoi anni d'oro e che la stessa contribuì a crere, grazie ad una incredibile miscela tra ritmo e melodia. Per loro la parola ''poliritmia'' non è certo vuota e priva di senso. Originaria del Benin francofono, la musica dell'orchestra è stata influenzata dall'afrobeat della Nigeria e dall'highlife del Ghana, dal funk americano e da certi sapori afrocubani, dal jazz e dalla rumba, (tutti) adoperati anche quì in un misto di nuove composizioni alternate a vecchie hit riprese e rivisitate per l'occasione. Tra gli ospiti la cantante maliana Fatoumata Diawara (che ha scelto la corte di Nick Gold per il suo prossimo disco), la compatriota Angelique Kidjo e, pensate un po', persino quei fighetti dei Franz Ferdinand che spuntano nella bonus track finale, peraltro molto bella. Chapeau!


Grooves cinematici in salsa iberica

.
.
Che l'idea alla base di serie di culto come la Easy Tempo, che hanno scavato negli archivi per riportare alla luce gemme dimenticate e/o oscure soundtrack degli anni Sessanta e Settanta - perlopiù appartenenti a film di genere o a serial tv (dall'horror al soft-erotico, dallo spy-thriller all'action movie polizziottesco ecc) - abbia fatto scuola anche all'estero è cosa risaputa. Da quel momento in poi, infatti, mentre sul mercato anglosassone sono tornati sugli scaffali rari titoli di Barry, Budd, Schifrin, Goldsmith e un'infinità di autori minori, si sono susseguite negli anni le compilation 'straniere' che hanno tentato operazioni analoghe sfruttando non solo l'inesauribile filone italiano (con fuoriclasse del calibro di Trovaioli, Piccioni, Ortolani, Cipriani, Martelli, tanto per citare solo alcuni dei più famosi), da ''Beat At Cinecittà'' (Voll. 1, 2 e 3) della tedesca Crippled Dick Hot Wax ''Erotica Italia'' dell'inglese Bistro-Arista, e moltissime altre ancora, ma considerando, ovviamente, anche le ricche filmografie di serie B, e soprattutto le rispettive soundtracks, di paesi come Spagna, Germania, Francia, Brasile, Messico... 
.
.
Nel frattempo numerose nuove etichette (e sottoetichette) sono nate e, a più riprese, si sono affacciate sul mercato, sguinzagliando i propri compilatori, sepolti da pile di quarancinque giri, lanciati alla caccia esasperata e molto attenti a cogliere ogni potenziale groove, anche se con risultadi non sempre del tutto soddisfacenti. Tra le ultime eccezzioni positive del filone segnalerei invece i bellissimi volumi editi in vinile dalla Hundergrum Records e usciti contemporaneamente nel 2010: ''Psicotronica Vol.1, Spanish-Cinematic Grooves & Funky Soundtracks 1968-1978'' (per il momento l'unica che il Giardino può offrire) e ''Psicotronica Vol.2, Spanish Cinematic Grooves & Funky Soundtracks 1971-1976'', un paio di riuscitissime e bizzarre compilation ''d'archivio'', deliranti sin dalla copertina (vedi sopra), che esplorano i suoni di scuri b-movies spagnoli a cavallo tra Sessanta e Settanta in pieno "Landismo" e "Destape"  mettendo in luce le capacità compositive di alcuni maestri e compositori iberici come Antón García Abril, Adolfo Waitzman o Gregorio 'Greg' Segura. Non un solo momento di stasi, ma un vero fluorilegio di beat, shake, sambette, fuzz casalinghi, library-grooves, jazz-grooves, orchestre pop, riverberi emozionali, blaxploitation, sexploitation, funk psichedelico ecc, tutto virato in salsa spagnola. Credetemi, come dicono i miei amici da quelle parti: una verdadera gozada!
.
.

Il Nuovo Giardino Magnetico presenta ''Black Expansions''




TRACKLIST

01 - CREATIVE SOURCE - Who Is He And What Is He To You 
da ''Creative Source'' (Sussex, 1973)
02 - ISAAC HAYES - Ikes Rap II, Help Me Love [1971] 
da ''Back To Breaks'' Ant.(Blow Rec., 2002)
03 - POINTER SISTERS - Don't It Drive You Crazy 
da ''Having A Party'' (Blue Thumb, 1977)
04 - FRED WESLEY & THE JB'S - Blow Your Head 
05 - BILLY COBHAM - Stratus Part.1 
da ''Spectrum'' (Atlantic, 1973)
06 - JACK MC DUFF- Magnetic Feel 
da ''Magnetic Feel'' (Cadet, 1975)
07 - JOHNNY HAMMOND - Shifting Gears 
da ''Gears'' (Milestone, 1975)
08 - HERBIE HANCOCK - Hang Up Your Hang Ups 
da ''Man-Child'' (Columbia, 1975)
09 - THE UNDISPUTED TRUTH - Ungena Za Ulimwengu 
da ''Face To F. With The T.'' (Tamla-M., 1971)
10 - LONNIE LISTON SMITH & THE C. E. - Expansions 
da ''Expansions'' (Flying Dutchman, 1975)
11 - LEON THOMAS - Shape Your Mind To Die 
da ''Blues And The Soulful Truth'' (Flying D., 1972)
12 - IDRIS MUHAMMAD - Crab Apple 
da ''Turn This Mutha Out'' (Kudu, 1977)


lunedì 11 aprile 2011

In viaggio con Loustal



Cullato dai primi tepori primaverili e allietato da piacevoli aromi floreali, oltre alle solite biciclettate, ho voluto aprofittatare di un po' di tempo libero per alimentare (anche) il lato pigro che alberga in me, ritagliandomi qualche bella siesta all'aperto nel giardino di casa (non il virtuale ma quello vero con le piante, l'erba e i fiori) in compagnia del fedele toscano, della mia micia e di acuni fumetti scrupolosamente ripescati tra quelli gelosemente custoditi nei miei scaffali (a proposito: ho deciso di non prestarne più in giro, perchè mi scoccia doverne sempre sollecitarne la restituzione anche a distanza di anni). In particolare tra i vari autori selezzionati, le tavole di Loustal, spesso prive di balloons, si sono prestate perfettamente a questo tipo di contemplazioni, ridestando magicamente in me, in questa particolare occasione (a volte mi succede anche con la musica a distanza di tempo), un tale appassionato interesse e una tale potenziata fascinazione che mi hanno indotto a spendendere qualche parolina a favore di questo magnifico artista francese.


Nato in Francia a Neuilly Sur Seine, il 10 aprile 1956, Jacques de Loustal, in arte semplicemente Loustal, pubblica i primi lavori sul giornalino del liceo e nel 1977 esordisce come autore professionista realizzando illustrazioni e fumetti su Rock & Folk. Studia architettura e collabora alla fanzine Cyclone pubblicata dal Lycée de Sèvres. A partire dalla fine degli anni Settanta dissemina di sue collaborazioni, in genere su testi di Philippe Paringaux, le pagine delle principali riviste d'oltralpe, soprattutto Métal Hurlant. Concluso il servizio militare in Marocco, disegna per (A Suivre) "Coeurs de sable", una storia ambientata nell'Africa degli anni Trenta, sempre su testi di Paringaux, e collabora all'effimera Zoulou. Nel 1984 inizia a pubblicare su L'Echo des Savanes creando storie su sceneggiature di Jerome Charyn, Jean-Luc Fromental e dello stesso Paringaux alternando ai fumetti la realizzazione di diverse campagne pubblicitarie. La sua ricerca artistica non si ferma infatti solo al fumetto, ma si estende anche all’illustrazione, alla pittura (dal Fauvisme e a David Hockney), alla musica (soprattutto jazz) e/o al cinema (per esempio con Wim Wenders).


Illustratore finissimo, dotato di un notevole senso del colore, pubblica anche numerose raccolte di disegni. Tra queste meritano di essere segnalate almeno la suggestiva ''Zenata Plage'', edita nel 1984 da Magic Strip, che presenta una selezione di splendidi acquerelli realizzati in Marocco, e i "Carnet de Voyages", disegnati a penna o ad acquarello: il primo uscì nel 1990 per Futuropolis, mentre quello dedicato all’isola di Porquerolles venne pubblicato per le edizioni Nuages nel 2008. Loustal, che ama dipingere dal vero i luoghi visitati, è un artista-viaggiatore da sempre votato all'esplorazione, dal tocco capace di svelare il senso della natura e abilissimo nel rendere atmosfere e luoghi, si tratti di metropoli come New York, di paesaggi urbani notturni, di esotiche spiagge, di paludi caraibiche o, più semplicemente, della sua amata isoletta Porquerolle, davanti alla costa mediterranea della Francia: ''la mia isola ideale, propizia alle fantasticherie, la raggiungo in venti minuti partendo dalla costa con il mio kayak'' .


I fumetti non sono da meno, e si nutrono di molteplici riferimenti, ma in questo caso il merito è anche dell'inconfondibile, originalissimo ritmo narrativo dei testi di Paringaux, il collaboratore più fidato di Loustal, in cui ricordo del passato e dramma del presente cozzano in modo devastante. Lo stile è originalissimo: si tratta quasi sempre di tavole con solo due o tre grandi vignette, in certi casi perfino ad immagine unica, spesso prive di balloons, con il testo, narrativo e letterario, racchiuso in lunghe didascalie molto descrittive, che al loro interno comprendono, quando è il caso, anche i dialoghi. Le immagini sono realizzate in genere con colori licquidi, sfumati, molto d'atmosfera. Vi sono grandi vuoti, si 'visualizzano' lunghi silenzi. Tali tavole introspettive, meditative, raccontano storie d'anime, storie quasi immobili, ma molto ricche di vibrazioni interne. Acquistano così più importanza le luci, certi sguardi muti, alcuni particolari dislocati strategicamente in disparte. Il rapporto tra la tavola disegnata ed il lettore cambia, è anzi completamente diverso che in un fumetto consueto. Se qualcuno fosse interessato a scoprire l'opera di questo splendido autore, per il momento consiglierei di iniziare almeno da: ''Il sangue della Mala'' (una graphic novel edita in italia da Coconino), ''La Notte dell'Alligatore'' (Coconino, propone alcune delle sue storie più note tra cui quella, straordinaria, che da il titolo al volume) e ancora ''Barney e la Blue Note'' (graphic novel sulla ''grandezza, decadenza e discesa negli inferi di Barney Wilen, sassofonista tenore e soprano francese ...'' quì le prime tavole) pubblicato in Italia da Comma 22 [quì trovate descrizioni accurate di tutte le edizioni italiane].


Prima di concludere aggiungo solo che, così come l'aroma di un buon sigaro si fa preferire se accoppiato ad un bicchiere di brandy invecchiato, e certe ricette vanno a braccetto con determinate tipologie di vino, allo stesso modo potrei permettermi di consigliare di accompagnare le meravigliose tavole di Loustal a un buon disco (meglio se musica d'atmosfera adatta a situzioni notturne, come il jazz) che, a questo proposito, il Giardino si è anche premurosamente impegnato a compilare (qui), proprio per l'occasione, a beneficio (o almeno si spera) tutti gli amici del blog interessati ad intraprendere un esperienza di questo tipo.


''La radio aveva annunciato un uragano, che adesso era lì a far razzia del mio pezzo di costa, sconquassando le palme e facendo andare e venire la luce elettrica. Non mi importava: le mie dita conoscevano la posizione dei tasti  e riuscivano a bere benissimo anche al buio. Così io soffiavo nel mio strumento e il vento soffiava e bussava alla mia porta. A meno che ...'' [Prima tavola de ''La Notte dell'Alligatore'' (Coconino, 2002); foto Trickypau]

Il Nuovo Giardino Magnetico presenta ''Moon & Jazz''



TRACKLIST

01 - SONNY ROLLINS - Decision 
da ''Sonny Rollins Volume One'' (Blue Note, 1956)
02 - MILES DAVIS - Blue In Green 
da ''Kind Of Blue'' (Columbia, 1959)
03 - CHET BAKER - Moon & Sand 
04 - COLEMAN HAWKINS - It Never Entered My Mind 
05 - HORACE SILVER - Peace 
da ''Blowin' The Blues Away'' (Blue Note, 1959)
06 - BILL EVANS - Peace Piece 
da ''Peace Piece And Other Pieces'' (Milestone, 1975)
07 - ARCHIE SHEPP & DOLLAR BRAND - Left Alone 
da ''Duet'' (Denon, 1979)
08 - ERIC DOLPHY - Tenderly 
da ''Far Cry'' [1960] (Prestige, 1970)
09 - COLEMAN HAWKINS - La Rosita 
10 - DEXTER GORDON - (It Will Have To Do) Until The Real.. 
da ''A Swingin' Affair'' (Blue Note, 1962)
11 - SONNY ROLLINS - Sonnysphere 
da ''Sonny Rollins Volume One'' (Blue Note, 1956)