martedì 9 febbraio 2010

Note dal sottosuolo: Dennis Wilson - ''Pacific Ocean Blues''

.


Caro Beppe, devo ammettere che il tuo post su Dennis Wilson per La Discarica Emozionale, mi è piaciuto davvero tanto, mi ha perfino commosso, al punto che, con il tuo permesso, lo voglio prendere in prestito pari pari allo scopo di abbellire e impreziosire il mio umile Giardino. Sono sicuro che per te non sarà un problema, visto l'amicizia e la stima reciproca. Per quanto riguarda la musica, ''Pacific Ocean Blue'' è senza dubbio un album da riscoprire. Chi fosse interessato o incuriosito sappia che il disco è stato ristampato nel 2008 in edizione deluxe (2CD). Complimenti ancora, Beppe, davvero un pezzo bellissimo. A presto!

.
DENNIS WILSON
Pacific Ocean Blues (Caribou, 1977)
.
.
Quando, nel 1961, la madre dei fratelli Wilson (Brian, Carl e Dennis) assegna ad ognuno uno strumento, in pratica dando vita ai Beach Boys, a Dennis tocca la batteria perché tutti gli altri strumenti sono stati già presi. Per Dennis non è un grande cruccio: a lui in fondo la musica non interessa poi così tanto. Dennis è soprattutto interessato alle ragazze e al surf. E' lui un giorno, di ritorno dalla spiaggia, a dire ai suoi fratelli che avrebbero dovuto scrivere delle canzoni sul surf.
.
.
E' lui l'unico Beach Boy dedito a questo sport. Continua per anni a militare nei Beach Boys, facendosi spesso e volentieri sostituire alla batteria da vari turnisti, vivendo all'ombra dell'immenso genio del fratello Brian. In fondo lui continua a ricevere ciò di cui ha bisogno, ovvero soldi, donne, fiumi di alcool e droghe di ogni tipo. Quando però Brian sbrocca completamente e abbandona la nave, è Dennis a prendere il timone. Comincia a scrivere qualche pezzo e... cacchio, sta a vedere che quel mattacchione di Dennis Wilson sa scrivere. E bene anche. A metà dei 70, tra una tournée e l'altra (in cui ne combina di tutti i colori presentandosi spesso ubriaco fradicio sul palco) comincia a registrare qualche pezzo con il contributo del fidato produttore James Guercio e nel 1976 è di fatto il primo Beach Boy a debuttare con un album solista, ''Pacific Ocean Blue'', in cui dichiara, già dal titolo, il suo immenso amore per l'oceano.
.
.
Si tratta di un disco delicato ma intenso, ruvido come la sua voce incatramata, sofferto ma mai patetico, lontano mille miglia tanto dai Beach Boys festaioli dei primi tempi quanto da quelli psichedelici di Pet Sounds. Non troverete armonie vocali, sorrisi splendenti, e ritornelli irresistibili qui dentro. Non c'è la spiaggia californiana con bulli e pupe, ma l'immensità malinconica dell'oceano sconfinato, dolce e crudele, che attira con canto di sirena e che si porta via Dennis il 28 dicembre del 1983.
.
Pubblicato da Beppax per La Discarica Emozionale il 25-01-2010

.


Nessun commento:

Posta un commento