venerdì 14 maggio 2010

L'America di oggi

.
WOVEN HAND
The Threshingfloor (Glitterhouse, 2010)
.
.
Finalmente mi ritrovo tra le mani uno dei dischi che più ho atteso quest'anno (gli altri erano stati Ali & Toumani, Johnny Cash e Joanna Newsom), niente meno che il nuovo album del Reverendo David Eugene Edwards e della sua band, i Woven Hand. Difficile che un amante del folk contemporaneo non conosca e apprezzi questo uomo, che una volta terminato il ciclo con il suo vecchio gruppo, i 16 Horsepower, decise di formare i Woven Hand, continuando a mantenere intatto quel suo caratteristico talento naturale per il folk, che nessun altro gruppo di folk tratta e plasma alla sua maniera. E poi quel forte messaggio religioso e mistico, melanconico e oscuro, che da sempre lo accompagna, tanto che l'unico possibile accostamento con i Woven Hand sembra essere quello con gli 16 Horsepower e viceversa. Con ''The Threshing Floor'', Edwards torna a registrare a casa propria, in Colorado (ma si concede anche delle cappatine indiane, balcaniche e mediorientali, che a conti fatti si notano, eccome). Il sound resta quel connubio di folk-country di radice sudista e musica nativa americana, molto (ma molto) oscuro, dove persino il banjo viene impiegato in maniera del tutto particolare, assieme al contrabbasso, alle chitarre acustiche e alla solita magnifica voce del Reverendo. Quì però la maggior elettricità dello splendido ''Ten Stones'', il capolavoro che l'aveva preceduto, lascia spazio a dosi massicce di spiritualità e David sa essere (paurosamente) rabbioso e mistico allo stesso tempo. Ora mettetevi a sedere. Fumando la pipa alzate gli occhi, immersi nella pace della notte. Non sono forse stelle quelle che vedete lassù? E' non è forse il deserto questo che vi circonda? Ma un coyote non fa mancare il suo ululato e un' ombra si avvicina minacciosa .... No, non è l'ultimo Tex Willer, ma il nuovo lavoro dei Woven Hand. Oppure l'America di oggi, con le sue inquietudini.

3 commenti:

  1. Pensa che, sebbene l'avessi già 'trovato', vedendolo l'altro giorno alla Fnac l'ho dovuto per forza acquistare :D

    Davvero, Edwards ha creato un universo sonoro paragonabile forse solo alla sua precedente creatura, i 16HP...grande musica :)

    RispondiElimina
  2. http://d01.megashares.com/?d01=CjrtnPH

    Regalino...;)

    RispondiElimina
  3. Ottimo acquisto! Io ho fatto lo stesso e mi sono portato a casa in un sol colpo ''Woven Hand'' e ''Roky Erickson With Okkervil River'' (arriva il post...). Comunque grazie per il link, sicuralmente farà comodo a qualcuno. Ciauuu

    RispondiElimina