domenica 10 ottobre 2010

The East Wind

.
.
Quando nel 2004 esce lo splendido ''The East Wind'' (Palm World, 2004) la senegalese Cissè Diamba Kanoute ha appena vent’anni, eppure sà già ''aggredire'' sin dal primo minuto con la tipica verve delle migliori vocalist dell’Africa occidentale, così tanto care da queste parti. Urlatrice del/dal profondo, la Kanoute riesce anche a trovare in questo splendido lavoro attimi meno incandescenti per rivelarci le ampie possibilità di cui è stata dotata. A dare ulteriore spessore agli ultimi brani del disco concorrono, a ausilio della cantante, ben sette altre voci (tra cui quella di Baaba Mal) e una perfetta interazione con la dozzina di strumenti chiamati a supporto. Un’orchestra di belle dimensioni per dar vita a un sound avvolgente, ben piantato nelle tradizioni, ma anche attento a non farsi sfuggire l’occasione di stuzzicare l’orecchio europeo. L’ennesimo misconosciuto gioiellino dal folto sottobosco musicale del continente che sarà bene non farsi scappare, anche considerando l’ardua reperibilità del lavoro.

4 commenti:

  1. L'ho ascoltato ieri, bellissimo. Voce potente e intensa alla Oumou Sangare, e un tessuto di corde pizzicate e fiati tenui a fare da sfondo. Che gemma :)

    RispondiElimina
  2. Gemma è la parola corretta. Sono molto contento che ti sia piaciuto. Oltretutto hai fatto bene a non lasciartelo scappare perchè non credo sia molto facile da trovare. Alla prossima quindi...

    RispondiElimina
  3. Tiene una voz fantástica.
    Muy potente, nadie diría que es una veinteañera, suena como una gran diva africana. Fabulosa.

    Mi piace molto
    Grazie mille

    RispondiElimina